Dragon Ball Super: Broly, ecco tutte le dichiarazioni del regista

625
Dragon Ball Super

Il regista Tatsuya Nagamine discute in un’intervista della lavorazione del film Dragon Ball Super: Broly

Negli ultimi giorni sono state rese note diverse curiosità riguardanti il lavoro svolto per Dragon Ball Super: Broly, con un occhio di riguardo sulla sceneggiatura del film, scritta dallo stesso Akira Toriyama, e sulle animazione curate da Naohiro Shintani. In un’intervista rilasciata al sito ufficiale del film animato, il regista Tatsuya Nagamine ha descritto il lavoro eseguito dallo staff al fine di rendere al meglio la sceneggiatura di Toriyama:

Potrebbe suonare presuntuoso da parte mia, ma [Toriyama] è davvero il massimo quando si tratta di manga. E con la sceneggiatura di questo film, ho davvero visto il suo talento messo al servizio della produzione, del character design, oltre al suo modo di narrare le storie.

Leggendo un riassunto, Dragon Ball potrebbe sembrare una storia semplice, ma in realtà le vicende brillano e sono avvincenti quando prendono vita nel manga. Ecco perché penso che [lavorare a questo film] sia un compito enorme per chiunque non sia Toriyama.

Il regista ha affermato che la sua intenzione è quella di far provare al pubblico le sensazioni di quando leggeva il manga sulle pagine di Weekly Shonen Jump, e per questo motivo è rimasto molto fedele alla sceneggiatura scritta dall’autore.

A eccezione delle scene d’azione, stiamo adattando la sua sceneggiatura praticamente così com’è. Tuttavia, anche se vogliamo restare i più fedeli possibile, sfortunatamente il tempo a nostra disposizione è breve. Quando abbiamo creato gli storyboard per l’intera storia, il film, che doveva durare solo novanta minuti, si è rivelato lungo il doppio. La sceneggiatura basterebbe per due interi lungometraggi.

Leggi anche: Dragon Ball: ecco gli sketch originali del primo Broly

Per quanto riguarda il character design e le animazioni, Nagamine ha cercato di miscelare gli elementi classici della serie e gli accorgimenti necessari per rendere l’anime più moderno.

Nella mia esperienza, essendo Dragon Ball una serie storica, c’è già un’idea generale di come dovrebbe essere. I movimenti per animare un’onda energetica o una scena di trasformazione in Super Saiyan sono così noti che sono rimasti invariati nel corso del tempo. Forse sarebbe bello mantenerli identici a come sono nell’immaginario, ma trasformarsi o emettere raggi di energia dalla propria mano sono cose speciali, quindi ho voluto mettere in scena questi momenti in modo altrettanto speciale.

[Toriyama] Ha detto che il personaggio ha una sensazione di formicolio lungo la schiena, e poi questa sensazione si diffonde in tutto il suo corpo fino a diventare un Super Sayan. Trasformarsi a caso, senza motivo, non è un cosa buona. Quando ero bambino tentavo di sparare un’onda energetica o di diventare un Super Saiyan, e ci provavo sul serio. Allo stesso modo, i personaggi non possono impiegarci un istante per riuscirci: devono mettercela tutta o non funzionerà. Ho detto agli animatori di non preoccuparsi di tutto quello che è stato fatto in precedenza, voglio che si lascino andare sfruttando le tecniche attuali.

Questo ventesimo film animato vuole rendere omaggio a ciò che ha reso la serie indimenticabile, ecco perché ritornerà la storica sigla di Dragon Ball Z Cha-La Head Cha-La.

Dragon Ball Super: ecco i punti deboli del Super Saiyan Leggendario secondo il manga

Commenti Facebook

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here