Jessica Jones s02x12-13 – AKA Playland

122
Jessica Jones

La recensione episodio per episodio della seconda stagione di Jessica Jones, per chi è troppo impegnato per fare maratone ma vuole comunque spazio per discutere

La morte di un personaggio non è sempre facile da mandar giù, soprattutto se questo personaggio ci era simpatico. Tali personaggi ci rimangono in testa e spesso capita che balenino fuori solo per suggerirci cosa avrebbero detto o fatto loro in una nuova determinata situazione. Questo lo sa bene Melissa Rosenberg, che per l’appunto ha dedicato un breve spazio a Kilgrave nella seconda stagione di Jessica Jones.

Pensate se a morire non fosse un personaggio ma l’intera serie.

La seconda stagione di Jessica Jones non si presentava con le migliori delle premesse. Il nome della protagonista era troppo collegato a quello del proprio main villain, morto proprio al termine della prima stagione; i promessi toni noir avevano l’esigenza di mescolarsi a sapori più standard per amalgamarsi meglio con il resto delle serie Defenders; lo schema con cui sembravano dipanarsi tutte le altre serie Marvel/Netflix risultava ripetitivo e stantio. Senza contare i 13 episodi a stagione, un’arma a doppio taglio se non si ha nulla da raccontare.

Durante lo svolgimento, la stagione ha tenuto fede a tutti i pregiudizi, smentendoci di rado. I tentativi di distaccarsi da questi elementi sono risultati anche peggiori e poco attraenti rispetto alla formula originale, sembrando più una copia sbiadita del passato.

Jessica Jones

La conclusione

Il punto più dolente risultano essere i personaggi.

Inizialmente sembrava ci fosse la volontà di gestire tutto il cast in maniera armonica, non lasciando nessuno al caso e di rado invitandoci a proseguire per scoprire meglio come si sarebbero legati ed evoluti questi personaggi.

Malcolm e Trish sembravano dare un contributo concreto e fondante; così come Jeri e Oscar avevano l’opportunità di stuzzicare costantemente Jessica e la sua capacità di relazionarsi.

Risulta quindi faticoso accettare come poco di tutto questo sia stato rispettato e poco sia stato presentato come qualcosa di effettivamente valido. Gli ultimi due episodi in particolare, “Pregate per Patsy” e “Luna Park”, mostrano dei personaggi totalmente incapaci di seguire un proprio percorso. Una serie di pallottole vaganti consce del fatto che la fine della serie è ancora lontana e che un modo per intrattenerci lo devono trovare. Anche gettando al vento il minimo di costruzione psicologica e narrativa che si erano racimolati. Abbiamo assistito agli ultimi istanti di vita di una serie che è partita correndo, fino a ridursi carponi e infine proseguire strisciando verso la tanto agognata fine. Tutto senza mai dimenticare, quasi fosse sotto il controllo di Kilgrave, che doveva comunque spettacolarizzarsi per il nostro intrattenimento.

Commenti Facebook

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here